I segreti del Brontolo

Pubblicata il 19 ottobre 2012 nella categoria Racconti

Ho voluto usare questo titolo visto che qualche compagno di squadra mi continua a chiedere “ma come hai fatto?“.

Innanzitutto ringrazio tutti coloro che mi hanno mandato SMS, mail o chi pure ha chiamato per il personale della mezza di Carpi (1.18.18), mi ha fatto veramente piacere.

Per quanto riguarda i segreti.. quello che posso dire svelare riguarda primo una dieta alimentare basata su prodotti integrali, miele, carni bianche e pesce.

Comunque chi volesse saperne qualcosa di più basta che mi chieda e sono pronto a fornire eventuali spiegazioni. Secondo, la sessione degli allenamenti svolti hanno portato ovviamente ad ottenere questi risultati, e.. i sacrifici li ho fatti. Perché gli allenamenti la maggior parte delle volte li ho svolti prima di cominciare a lavorare perciò sveglia alle 5.00.

La sera dovevo dedicarla a mio padre,visto i grossi problemi fisici che ha avuto. Tante volte mi sentivo veramente stanco, ma.. tutto lo facevo con armonia, pensando che mi poteva fare solo che bene scaricare un po’ la tensione. Poi certo, seguivo tutti i consigli utili che mi sono stati dati dai miei amici allenatori Gianni Moretti, Nicola Nozza e Mauro Pifferi.

Anzi colgo l’occasione per dire che hanno un grandissimo merito sui miei risultati. Poi molto allenanti sono stati pure le gare della corri nei Borghi, quelle dell’Hinterland Gardesano e tante altre.  Ma per me quel che conta è, come la si prende una cosa. Non deve essere forzata, ma.. un divertimento anche quando una cosa la vedi difficile, se l’affronti con la giusta armonia, tutto diventa anche molto divertente.

Pure se ci sono dei problemi al di fuori della corsa, li sai affrontare con più disinvoltura e riesci a trovare la soluzione evitando mille nervosismi. Purtroppo io ne devo affrontare anche parecchi, come la maggior parte di voi sanno. Ma da quando ho cominciato a gareggiare e conoscere delle splendide persone, tutta la vita mi risulta più facile. Questo è il segreto più grande. Basta vedere che dopo la mezza di Carpi, la stanchezza non la sentivo neppure nonostante sapevo che mi aspettavano ancora 7 ore di viaggio per raggiungere mio figlio, che vedo sì e no 4 volte l’anno, anzi.. questa volta nemmeno si aspettava il mio arrivo, visto che gli ho voluto fare una sorpresa per il suo compleanno, quando mi vide arrivare mi raggiunse con uno scatto alla Ben Johnson e per un dieci minuti buoni stette in braccio.

Purtroppo mi sono dovuto fare una ragione pure su questa cosa di vederlo così poco, ma.. nulla posso farci. Adesso per un po’ ho deciso di prendermi il giusto riposo e.. dopo si comincia con le campestri, per quanto riguarda le mezze, sto facendo un pensiero su Crema, ma vedremo.

Brontolo 

4 pensieri su “I segreti del Brontolo

  1. Ago4 ha detto:

    🙂
    Ago4

  2. alex ha detto:

    brao luca hai dimostrato di essere forte e tenace . i problemi purtroppo ce ne son per tutti… importanteè reagire e mettersi in gioco. grande

  3. Togni Franco ha detto:

    ottimo lavoro …………………e grazie ….per avermi fatto da lepre i primi 10 km continua cosi’ …….e non porti limiti

Lascia un commento (ricorda, sei responsabile di ciò che scrivi)