Oh Romeo, perché sei tu Romeo..

Pubblicata il 18 febbraio 2014 nella categoria Racconti, Resoconti

Visto che Verona è la città dell’AMORE.. forse al traguardo troverò il mio Romeo, ed è forse questa speranza che mi ha fatto correre più veloce.

Come ogni volta, al ritiro del pettorale mi viene sempre chiesta una cosa.. mah.. in quanto la fai?? E questa volta la mia risposta ha spiazzato un po’ tutti.. ”a sensazione”..

Comunque , impossibile non innamorarsi di questa città e di questa corsa ben organizzata..

L’ingresso in Arena ti fa sentire tutta l’emozione nel cuore ed in gola.. e per me è stato impossibile nascondere due lacrime.

Forse uno dei miei più bei traguardi.. visto il mio personale, peccato che non venga tenuto conto il mio “real time”.. ma al momento mi mettono sempre tra gli ultimi alla partenza.

 

Sara

3 pensieri su “Oh Romeo, perché sei tu Romeo..

  1. donatella scano ha detto:

    Mitica Sara 😉

  2. LORENA ha detto:

    Bravissima Sara!!! al mio prossimo cappuccio mi racconti per bene!!! 😀

  3. Crema ha detto:

    Brava Sara, una bella lezione impartita ai malati del cronometro. Sono fiero di averti trasmesso questi valori, legati esclusivamente al piacere della corsa. Un suggerimento per Lorena, meglio nota come “La mezza”, per la determinazione dimostrata nel voler esordire su questa distanza. Se ti domenica mattina ti dovessero chiedere: “In quanto la fai?”, mi raccomando non sbagliare, rispondi anche tu, “A sensazione”. In bocca al lupo per il tuo esordio. Con affetto, Crema.

Lascia un commento (ricorda, sei responsabile di ciò che scrivi)