Zio alla conquista della “This is vertical”!

Pubblicata il 20 Ottobre 2014 nella categoria Racconti, Resoconti

Ieri, Domenica 19 Ottobre si è svolta la “This is vertical”, interessante gara con partenza da Aviasco, per me la prima competizione di quest’anno.

Incuriosito dal fatto che si trattasse di un sentiero a me sconosciuto, più che per la gara mi sono iscritto per conoscere appunto il percorso e testare come sia possibile che con uno sviluppo di appena 1.850 metri ci si possa alzare di 1.000 metri di quota.
Ritrovo ore 7.00 al bar con tre amici che conosco ma coi quali non ho mai fatto “passeggiate” in montagna, gli faccio leggere il volantino e li convinco (nessuno di loro ha mai fatto una vertical!).
Una volta iscritti ed effettuato il riscaldamento siamo stati attratti dalla partenza…

La prima impressione è stata d’ impatto e ci siamo detti “per salire da lì ci vogliono i ramponi! “.

Da quota 1000 a 1300 metri il percorso è stato tracciato in un canale dove un tempo in inverno i boscaioli facevano scendere la legna, in alcuni punti si è reso necessario costruire dei gradini di legno, poi il resto fino a quota 1700  metri si è caratterizzato per l’ apertura di un sentiero tra le rocce a dir poco ripido, da quota 1700 si è potuto respirare per qualche metro e poi di nuovo su, dritti fino alla cima a quota 2000
(se guardate la foto degli sventurati notate dietro di noi la traccia fatta con il decespugliatore!)
Da notare che la cima si chiama Cazzat, ma vi assicuro farla da questo sentiero non è una “cazzata”!
Per fortuna un buonissimo pasto abbondante al ristoro 5 laghi ha fatto dimenticare tutto.
Tempo da me impiegato 1h 04′ 15″.
Ciao a tutti

Zio

ancora 300 metri D+

quota 1700

Lascia un commento (ricorda, sei responsabile di ciò che scrivi)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.